martedì 3 agosto 2010

dalla bottiglia...alla polipina



Sfogliando il libro "Laboratori creativi" di L.Pascon e M.Carbonere, ho trovato quest'altro ragno e,presa dalla passione per gli aracnidi di plastica, ho voluto provare a realizzarlo.

Il procedimento, rispetto al precedente è di poco più "brigoso" ed i suoi saltelli sono forse meno elastici, ma l'aspetto è così accattivante che ne vale la pena.

Ah, dimenticavo...l'ho chiamato polipina perchè secondo me assomiglia più ad un polipo che ad un ragno! E speriamo che non le vengano delle crisi d'identità...




La polipina



Occorrente: una bottiglia (se volete di plastica colorata) da 1,5 litri, un taglierino, un paio di forbici e pennarelli a tempera acrilica. Praticamente le stesse cose che servivano per il ragno.



Vediamo come si fa


Tagliate, col taglierino, la bottiglia poco sopra la strozzatura, a circa 15 cm dal tappo. Se il taglio fosse un pò storto, potete rifilarlo con le forbici.





Ora appena sopra il bordo tagliato, fate dei segni a circa 1,5 cm uno dall'altro. Potete aiutarvi usando il righello o un dito come misura.


Poi, con le forbici fate dei tagli verticali , partendo dal bordo, lunghi circa cm.8 ed asportate delle strisce, una sì e una no. Prima di tagliarle controllate che siano in numero pari!

Con i pennarelli acrilici, fate la "faccia" della polipina e se volete colorate anche i tentacoli. Apriteli poi leggermente verso l'esterno, forzandoli un pò all'attaccatura. Io ho anche arricciato un pò le estremità.

Eccola qua...vi presento la polipina!


Un colpetto sulla testa e.....guarda un pò chi ha incontrato! Che ne dite, potrebbe nascere una improbabile storia d'amore tra il simpatico ragnetto e la polipina?


Chissà! Ma...che succede? La polipina fa ancora due saltelli e guarda un pò chi c'è: il bel polipone! Qui le cose si complicano...


Chi conquisterà il cuore della polipina?

------------------------------------------------------

Con questo post partecipo alla RACCOLTA DI RICICLO CREATIVO PER BAMBINI edizione 2013 di Mammabook

10 commenti:

  1. Che inventiva, complimenti! Un bel polpetto fatto con una bottiglia di plastica era proprio ciò che mancava nel panorama del riciclo. Un giochino interessante oltre ai molteplici interessi che hai scritto di avere.
    A presto,
    Simona

    RispondiElimina
  2. Grazie, Simona! Non è che voglio darmi delle arie elencando quello che so fare, è solo che essendo un pò incostante nei miei interessi e avendo anche un pò di annetti alle spalle, il tempo per provare tutte queste cose me lo sono ricavato. Ciao!

    RispondiElimina
  3. Carinaaaa anche la polipetta, quasi quasi la preferisco rispetto al ragnetto.... insieme formano una gran bella coppia!

    RispondiElimina
  4. Sì, insieme stanno bene, ma non so se lei gli preferirà il polipone..Si vedrà, se son rose, fioriranno! Ciaoo

    RispondiElimina
  5. Io sono molto romantica e questo triangolo proprio mi preoccupa..magari se arrivasse anche una ragnetta le cose si sistemerebbero e potrebbero vivere tutti felici e contenti..

    RispondiElimina
  6. Sì, lo so che ami le storie romantiche: ragnetto+ragnetta, polipina+polipone...ma a me piacciono i colpi di scena e non è detto che compaia qualche altro personaggio! Ciao

    RispondiElimina
  7. Sono troppo carini!!!
    Complimenti per la creativita'...ne hai da vendere!
    ....anche la storiella e' davvero simpatica...:)

    RispondiElimina
  8. Ti ringrazio per le parole gentili, Grazia. Mi fa piacere che i personaggi della mia "telenovela riciclata" ti siano simpatici! Ciao

    RispondiElimina
  9. Ciao, pure io faccio parte del fan club del "polipone".Il ragnetto è molto simpatico, ma, il "polipone"è più tenero.

    RispondiElimina
  10. Ed io che volevo mettere un pò di pepe nella vicenda...E va bene, aggiudicato il tenero polipone! Ciao, Marina!

    RispondiElimina